Agenzie per il lavoro e contratto di somministrazione: una flessibilità regolamentata

accordo

Cercando lavoro in internet, balza immediatamente agli occhi come una buona parte delle offerte provengano dalle Agenzie per il lavoro: è dunque utile conoscere qualcosa sul loro funzionamento, per comprendere se ed in quali termini potersi avvalere della loro intermediazione.

Partiamo con un'ovvia ma importante premessa: se ci avvaliamo dell'Agenzia in veste di candidati / lavoratori, non siamo tenuti a corrispondere alcunché.

Ed ora, la definizione: le Agenzie per il lavoro (ex Agenzie di lavoro interinale) sono enti autorizzati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ad offrire i servizi relativi a domanda ed offerta di lavoro. E' stata la Legge Biagi (276/03) ad introdurre il regime autorizzatorio, nel quadro di una disciplina volta a rendere più flessibile ed efficiente il mercato del lavoro, sostenendo politiche attive per il lavoro e favorendo la diminuzione del tasso di disoccupazione.

 

Le Agenzie abilitate sono elencate nell'Albo Informatico sul sito del Ministero e ciascuna di esse è iscritta in una o più delle seguenti sezioni:


- somministrazione di lavoro di tipo “generalista” (in questo caso l'Agenzia è abilitata allo svolgimento di tutte le forme di somministrazione di manodopera);


- somministrazione di lavoro di tipo “specialista” (in questo caso l'Agenzia è abilitata alla somministrazione per una sola delle attività elencate nell’articolo 20 della legge Biagi);


- intermediazione (in questo caso l'Agenzia si occupa di raccolta dei curricula, preselezione, promozione e gestione dell'incontro tra domanda e offerta, formazione ed è inserita automaticamente anche nelle due sezioni successive);


- ricerca e selezione del personale (in questo caso l'Agenzia svolge attività di consulenza finalizzata all’individuazione di candidature idonee a ricoprire posizioni lavorative su specifico incarico del Committente);


- supporto alla ricollocazione professionale (tale attività è effettuata su specifico incarico dell'organizzazione Committente).

webmaster roma


Nel caso della somministrazione, l'Agenzia compie la selezione dei candidati sulla base dei requisiti richiesti dal Committente e propone a quest'ultimo una rosa di nominativi.
E' il Committente / Utilizzatore a scegliere il candidato ritenuto idoneo, ma è l'Agenzia a vincolarsi contrattualmente verso il lavoratore, per il pagamento della retribuzione e il versamento dei contributi previdenziali; l'Utilizzatore si obbliga invece a rimborsare all'Agenzia gli oneri retributivi e previdenziali sostenuti.
Il lavoratore, da parte sua, dovrà farsi carico di rendere edotta l'Agenzia circa le proprie presenze, mediante un rapportino certificato dal Committente.

Sulla base delle esigenze dell'Azienda utilizzatrice, il contratto di somministrazione a tempo determinato può essere soggetto a proroghe (massimo 6 proroghe in 3 anni a patto che il primo anno non vi siano state più di 2 proroghe).

 


Il lavoratore, grazie alla trasparenza della posizione contrattuale ottenuta, gode di ogni tutela di legge, sia quanto all'ammontare del compenso, sia quanto a ferie e permessi, riposo retribuito o pagamento dello straordinario per le festività, malattia, assicurazione infortuni ecc.

Sotto ogni aspetto, si fa riferimento al contratto collettivo nazionale di lavoro per la categoria delle agenzie di somministrazione di lavoro.

 

Possiamo consultare l'elenco delle Agenzie abilitate sul relativo Albo Informatico


Per concludere, dal punto di vista del lavoratore, l'Agenzia per il lavoro può rappresentare una risorsa preziosa per ottenere una posizione sì flessibile, ma anche regolamentata.


Per quanto riguarda le Aziende utilizzatrici, queste hanno il vantaggio di risparmiare tempo prezioso in fase di selezione, ma sono tenute ad un esborso economico spesso consistente.
Quest'ultimo sembra essere l'unico punto a sfavore, ma del resto è inevitabile, perché l'Agenzia svolge il proprio incarico impiegando risorse e mezzi e va retribuita, così come il lavoratore.

Il Committente avrà comunque la facoltà di avvalersi dell'Agenzia per la sola fase di ricerca e selezione del personale, stipulando poi direttamente il contratto con il lavoratore.

Agapeuno Team

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui Social!